NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
INOLTRO

http://www.corrierecomo.it/templates/rt_terrantribune_j15/images/blue/logo.png

Cinghiali e funghi radioattivi, raddoppiati i controlli

Stampa

VENERDÌ 06 SETTEMBRE 2013

Cinghiale

Animali ''mostruosi''
Dopo le segnalazioni in Ticino, approfondite analisi sugli ungulati del territorioCinghiali radioattivi alle porte di Como. In Canton Ticino, nella zona di Bellinzona, è stata accertata la presenza di ungulati con livelli elevati di Cesio 137. Problema che sembra legato probabilmente a funghi contaminati.
«Dal 1986, anno dell’incidente di Chernobyl, facciamo controlli costanti sulla radioattività dell’intero territorio - assicura l’Asl di Como - Alla luce dei recenti episodi, abbiamo ulteriormente potenziato il piano di monitoraggio e campionamento». Nei mesi scorsi, un primo allarme

era scattato in Piemonte, in Valsesia e in Val d’Ossola, con il ritrovamento di cinghiali contaminati. Ora, l’attenzione si sposta sul Canton Ticino, dove sembra siano già 4 gli ungulati con valori di Cesio 137 superiori ai livelli di guardia.
A Como, almeno fino a questo momento non sono stati registrati casi di positività, ma il piano dei controlli è stato appositamente potenziato proprio alla luce degli episodi recenti che hanno interessato territori non distanti dal Lario. Sotto esame sono soprattutto i cinghiali e i funghi, anche se il monitoraggio riguarda numerosi alimenti. 
Il piano di monitoraggio, che prosegue ininterrottamente da 27 anni, è coordinato dall’Asl, che fa riferimento poi ad alcuni centri specializzati per le analisi dei campioni prelevati sul territorio. 
«Annualmente mettiamo in atto un programma preciso di monitoraggio, con campionamenti per verificare l’eventuale radioattività e la presenza di isotopi radioattivi - spiegano da via Pessina - I test riguardano in particolare funghi, latte, carne, pesci di lago, foraggio, vegetali a foglia larga e acqua, oltre alla selvaggina. Dal 1986 a oggi, non abbiamo mai registrato livelli di allarme». Dei controlli si occupano due dipartimenti, quello di prevenzione medica e quello veterinario.
«Nel 2013, in seguito alla segnalazione di cinghiali contaminati in Piemonte - spiegano ancora dall’Asl di Como - sono state emanate direttive nazionali e regionali apposite ed è stato previsto un piano integrato per i controlli. I prelievi e i test sono stati incrementati in maniera significativa specialmente su funghi, cinghiali e frutti di bosco. L’Asl di Como, da sempre in prima linea su questo fronte, è stata una di quelle coinvolte dal ministero e dalla Regione nei controlli supplementari».porcino
Per quanto riguarda i cinghiali, è già stata fatta più della metà dei test.
«Con la stagione della caccia, per gli ungulati è partito il piano rafforzato di controlli - spiegano ancora dall’azienda sanitaria lariana - Il monitoraggio ha interessato in particolare le zone del Medio e Altolago, quelle nelle quali i cinghiali sono più diffusi. Gli esperti hanno già effettuato oltre il 50% dei campionamenti previsti e fino a questo momento tutti gli esami hanno dato esito negativo e non abbiamo riscontrato alcun caso di livelli di Cesio 137 superiori alla soglia di allerta». Sono al via proprio in questi giorni, invece, i controlli sui funghi.
«La stagione dei funghi è alle primissime battute - precisano i vertici dell’Asl lariana - Il piano di campionamento è dunque in fase di svolgimento e proseguirà nelle prossime settimane sull’intero territorio lariano. I tecnici procedono con la raccolta dei campioni che vengono poi inviati nei laboratori specializzati per le analisi. A breve cominceremo ad avere quindi i primi risultati».

Anna Campaniello

Nella foto:
A Como, almeno fino a questo momento, non sono stati registrati casi di positività al Cesio 137 di cinghiali e funghi, ma il piano dei controlli è stato appositamente potenziato proprio alla luce degli episodi recenti che hanno interessato territori non distanti dal Lario. Sotto esame sono soprattutto gli ungulati e, appunto, i funghi, anche se il monitoraggio riguarda numerosi alimenti

VENERDI' 13 SETTEMBRE 2013 ALLE ORE 21.00

PRESSO LA BIBLIOTECA DI LENNO

Donne, filande, seta sul lago di Como

Conferenza organizzata dalla Fondazione Rigamonti Ferrario

RELATORE
Dott. Flavio Crippa
storico e archeologo industriale

Isola ComacinaUn Tuffo nella Storia

Nuotata in torno all'isola Comacina

Ossuccio (Lago di Como)

Sabato 7 Settembre 2013

IL COMUNE DI OSSUCCIO organizza in collaborazione con:

Emergency Como - la Croce Rossa di Menaggio - l'associazione isola Comacina

UNA MANIFESTAZIONE NATATORIA NON AGONISTICA DI MT 1500 INTORNO ALL'ISOLA COMACINA

Ritrovo 1 h. 9.30 al Lido di Ossuccio - Partenza : h. 11.30

Agevolazione/sconto

Per l'ingresso al parco archeologico e naturale dell'isola Comacina (valido per l‘intera giornata del 7 settembre 2013, h. 10-17)

Il complesso archeologico dell'isola Comacina promuove le seguenti:

Agevolazioni per famiglie e amici dei gareggianti*:

Biglietto d'ingresso a € 3,50 invece di €6,00

Pacchetto famiglia a €10,00 (2 adulti + bambini o 2 adulti + 3 bambini)

* parenti e amici dovranno presentarsi alla biglietteria con il nominativo del gareggiante per poter usufruire dello sconto, valido anche per la visita al museo archeologico di Ossuccio

A tutti i partecipanti una maglietta serigrafata - Il ricavato della manifestazione sarà devoluto all’org. Umanitaria Emergency pro repubblica Centrafricana ed alla croce rossa di Menaggio

TheDomenica 15 settembre 2013 alle ore 15

presso il Centro Culturale San Giovanni Bosco a Dizzasco Intelvi

Conoscere i Tè: dalla pianta alla tazzina
L’arte di preparare il Tè

Relatore Marco Spinelli

Abbinamenti:
Taleggio DOP e Sencha
Grana Padano DOP e Puher
Gorgonzola DOP e Oloong

In collaborazione con: TeaWorld - Ganassa - Associazione Amici di Dizzasco e Muronico - Onaf Delegazione Como

Contributo spese € 10 per il materiale d’uso
E’ richiesta la prenotazione entro 8 settembre a Simonetta Cortella - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3394397971

12° Trofeo Val Perlana a Lenno

Lenno il 25.08.2013

12° trofeo val perlana a lenno12° Trofeo Val Perlana

7° prova Grand Prix 3 province

Campionato provinciale FCI di Como

-La gara si svolgerà con qualsiasi condizione di tempo.

-E’ obbligatorio l’uso del casco e sulla strada vige il codice stradale.

-Gli organizzatori declinano ogni responsabilità per danni a cose e/o a persone prima, durante e dopo la gara.

-Per i minori sono responsabili i genitori e/o chi ne fa le veci.

-Partenza alle ore 09.00 con verifica tessere dalle ore 07.30 alle ore 08.30.

-Per quanto concerne la gara e per quant’altro non qui contemplato vige il regolamento del circuito 3 Province e della Federazione Ciclistica Italiana 2013

Premiazioni presso l’arrivo alle 11.30. Sarà attiva una zona di ristoro per gli atleti

PROGRAMMA:

2 GIRI+LANCIO=OP - JU - ELMT - M1 - M2 - M3 - M4

1 GIRI+LANCIO=M5 - M6 - MW - AL - OPW

1 GIRO=DA - ES - DE

Simpatica iniziativa di un gruppo di Pigresi d'hoc.

Giovanni Calderoni,Giancarlo Ceschina, Gianfranco Greppi "Raf",Piero Greppi"Lupo", Renato Mazzoletti, Giorgio Greppi, Andreino Ceschina, sono i progettisti designer artisti e realizzatori dell'originale scultura in legno che accoglie simpaticamente i turisti che salgono a Pigra con la funivia

Marendon è il nome che è stato scelto dai creatori tra una dozzina di nomi proposti.

Un plauso all'iniziativa.

E molto positiva la gogliardica idea che nei progetti del gruppo concretizzera' il prossimo anno con la realizzazione del cinghiale FARLOC.

cervo giorno

PROGRAMMA di SVILUPPO TRANSFRONTALIERO
ITALIA – SVIZZERA

CULTURA ALPINA: SAPER VALORIZZARE IL TERRITORIO

INTERREG — Saperi Alpini:
percorsi di sostenibilità lungo lo spartiacque Comasco-Ticinese
Il Comitato Organizzatore, sotto l’egida: di ERSAF, dell’Associazione Comuni del Generoso - RVM, Del Comune di Arogno, della Comunità Montana Lario Intelvese, del Comune di Casasco d’Intelvi,
Presenta:

Il percorso etnografico dei contrabbandieri e dei copafoò
e
Sfrusaduu par dü dì

Che si svolgerà a Casasco d’Intelvi Sabato 3 Agosto

PROGRAMMA:
Ritrovo presso il Museo di Casasco in Piazza Vittorio Veneto
Ore 10,30 intervento delle autorità e inaugurazione del percorso
Ore 11,00 inizio percorsi guidati
Ore 15,00 arrivo a Casasco degli Amici dell’Alpe di Arogno (CH)
Ore 15,15 Consegna delle merci
Ore 16,00 inizio dell’ultimo percorso guidato
Ore 17,15 presso la sala consigliare del Comune incontro con la scrittrice Rosa Maria Corti che parlerà sul contrabbando nella poesia e nella letteratura dal 700 a oggi.
Ore 19,00 Cena a base di polenta Uncia

70 Comunita MontanaProgetto Interreg Formazione Partecipata "Saper imparare a vivere sostenibile!

Programma corso Introduzione alla falegnameria.

Tecniche di lavorazione e giunzioni tradizionali: uso attrezzature manuali.

durata: previste circa 50 ore
partecipanti: 6 / 7 persone

Argomenti:
1) Tecnologie del Legno. Anatomia proprietà e caratteristiche del legno. Riconoscimento macroscopico delle principali specie legnose.
2) Utensili Manuali: Caratteristiche - Affilatura - Utilizzo. Tipologie di attrezzature manuali. Materiali e tecniche per la preparazione ed affilatura ferri di varie tipologie ed utilizzo. Accenni ad affilatura di ferri sagomati ed altri utensili.
3) Macchine Lavorazione Legno . Le principali macchine tradizionali per la lavorazione del legno. Caratteristiche ed uso in sicurezza. Lavorazione assistita finalizzata alla preparazione dei pezzi per la realizzazione di un manufatto.
4) Dimensionamento e squadratura . Tecniche e metodologie.
5) Tecniche di giunzione . Incastro a coda di rondine e tenone e mortasa. Dimensionamento e tecniche costruttive. Panoramica su altri incastri.
6) Finitura . Tecniche per la preparazione delle superfici. Vernici e prodotti naturali di finitura.
7) Assemblaggio ed incollaggio . Tipi di collanti, specifiche di utilizzo. Morsetti e loro uso.

CONSORZIO FORESTALE LARIO INTELVESE - 22028 San Fedele Intelvi (CO), via Roma 9 - tel. e fax 031 830 528 - e-mail consorzio.larioint @ libero.it

Fabio CeschinaDomenica 21 Luglio ore 18.00

Vi aspettiamo numerosi per una felice apertura estiva

mostra

SCULTURA & GIOIELLO

presso studio " AtelierDonazee " Via Narcisi 4 “

parcheggio alla funivia poi a piedi 3 minuti sotto l'ufficio postale

aperti tutti i sabati e domeniche fino alla chiusura del 15 Settembre .

autori delle opere esposte:

  • Fabio Frigerio dell'omonima oreficeria di Como,
  • Radice dell'atelier orafo Gioie Lira di Carimate
  • Busnelli collezioni  gioielli di Cantù,
  • FAE Esposito fonderia d'arteCucciago
  • Fabio Ceschina, creatore di piccolegioiello

Edizioni Scripta Manent - 2013se vuoi essere un buon medico, non arricchirti mai

Il motto in oggetto è del dr Leandro Bonini

Venerdì 19 luglio 2013

pressoCMLI

Presentazione della biografia 

Il libro, dedicato alla figura e all’opera del dottor Leandro Bonini, è in stampa (500 pag. ca.) - Edizioni Scripta Manent - 2013

Redatta dallo storico locale Antonio Murgia

NOTA INFORMATIVA: Chi era il dr Bonini?

Il dott. Bonini, oriundo di Sala Comacina,  medico/chirurgo con specializzazione in malattie polmonari, era attivo anche a Lanzo dove si recava periodicamente con i suoi apparecchi per le radiografie: fu tra i primi a farne uso, contribuendo al buon nome della Clinica.

Era anche  un poeta, un miniaturista, un uomo di vasta cultura classica e un preparatissimo biblista, padre di 12 figli (6 femmine e 6 maschi), 10 dei quali sono ancora viventi.

Capitano Medico militare, il 15 dicembre 1943 venne stivato con tanti altri soldati in un carro bestiame e, dopo un viaggio durato 14 giorni, arrivò a Fullen, un campo di concentramento al confine tra Germania e l'Olanda dove trascorse ben 21 mesi. Era un "campo-ospedale" dove erano rinchiusi 2000 militari di ogni nazione, in massima parte affetti da TBC: inventandosi "apparecchi" per la pneumologia riuscì  a restituirne circa 900 alle rispettive famiglie.

Continuano gli appuntamenti estivi alla scoperta della Frontiera Nord, nell’ambito del progetto interreg ForTi – Linea Cadorna, con la traversata del Sasso Gordona in Val d’Intelvi prevista per sabato 27 luglio 2013.

L’escursione sarà guidata da un accompagnatore di media montagna del collegio lombardo delle Guide Alpine e da un esperto della Prima Guerra Mondiale, che illustreranno il paesaggio e le opere militari della zona risalenti a un secolo fa.

Si prevede l’arrivo alla cima rocciosa del Sasso Gordona, punto panoramico di prim’ordine sulla Val d’Intelvi, sul lago e sui monti circostanti. Sulla vetta si trova una delle postazioni più suggestive di tutta la Frontiera Nord, con opere che sfruttano al meglio le caratteristiche formazioni rocciose della montagna, ma numerosissime e interessanti sono anche le altre vestigia militari disseminate nella zona.

Quota massima: Sasso Gordona, 1410 m

Dislivello: 300 m

Durata: 4,30 ore; durante il cammino sono previste numerose soste per illustrare le opere militari e una sosta per il pranzo al rifugio Prabello (dove sarà possibile pranzare al sacco o presso il rifugio)

Difficoltà: medio (EE), con qualche breve tratto attrezzato sul Sasso Gordona che richiede un po’ diattenzione; utile la pila frontale.

L’escursione si tiene con un gruppo minimo di 8 persone e verrà effettuata solo con tempo buono

 Ritrovo alle ore 9.00 in piazza Carminati a San Fedele d’Intelvi

INFO: 02/67404301

L’uscita è gratuita ma è necessario iscriversi: iscriviti qui

Dipartimento Montagna e Servizi al Territorio

 cid:<a href=

Tel. 0267404301 - www.ersaf.lombardia.it

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Accesso Utenti