Discussione"CACCIATORI"
L'ulciel, al ga la cua, chi ca la ciapa lé sua. (L'uccello ha la coda, chi la prende per primo è sua)
L'ulcel ca pasa al so temp a cantà, al so nii mai riusarà a fà. (L'uccello che passa il suo tempo a cantare, non fa il nido)

"TEMPO METEOROLOGICO"
Al piof e ghe al suu, lè la festa di pastuu. (Piove e c'è il sole, è la festa del pastore)
Al piof e lè bell, lè la festa dal me fradel. (Piove ed è bello, è la festa di mio fratello)
Al trona lé al Diavul ca fà cor la dona (Tuona, è il diavolo che fa correre la donna)

"GIUSTIZIA"
A rubà poc sa va in galera, a rubà tant sa fa carriera. (A rubare poco si va in galera, a rubare tanto si fa carriera)
Cui solt e l'amicizia, sa cumpra la giustizia. (Coi soldi e l'amicizia si compra sempre la giustizia)

"POVERI E RICCHI"
Par al povar lè difficil a vif isci, par al sciur invece lè difficil murì. (Per il povero è difficile vivere, per il ricco è difficile morire)
Livii i fioo da povar cari gent, sa vuri vedei sciuri e cuntent. (Sei vuoi vedere ricchi e contenti i tuoi figli,allevali da poveri)

"LAVORO"
Al lavurà al fà diventà la vita dulsa e bella, ma mia a tuc ga pias la caramella. (Il lavoro addolcisce la vita, ma non a tutti piacciono i dolci)
Chi ca ga un mesteè, i sta sempru in pee. (Tutti i mestieri danno il pane)

"RELIGIOSI"
Al Signur al na dà dumà quel ca sa pò purtà. (Dio manda solo quello che si può sopportare)
Al Signur al na creaa dal navot, ma mia par faa navot. (Dio ci ha creato dal nulla, ma non per  fare nulla)
Al Signur ti preservi da un cattif visin e da un principante da violin. (Dio ti guardi da un cattivo vicino e da un principiante di violino)
Chi ca ga religion al va mia in prison. (Chi ha religione non va in prigione)
Da Dio le grazie, dai omam i disgrazi. (Da Dio le grazie, dagli uomini le disgrazie)

"GIOVANI E VECCHI"
Da giuvan an mor un quaidun, da vec a schempa niugum. (Di giovani ne muore qualcuno, di vecchi non ne scampa nessuno)
La vegiadà da tuc lè desiderata,  po quenta la ga sà, la vee udiada. (La vecchiaia da ognuno è desiderata, poi quando la si raggiunge,viene odiata)

asino"ASINI"
Cercà l'asan e vesac su a caval. (Cercare l'asino ed esserci sopra)
Var pusè un asan ca tira che cent person da ree chi fa la fila. (Vale di più un asino che tira, che cento persone che seguono a fare la fila)
Chi ca insavona al cò dell'asan, al pert al temp e al savon. (Chi insapona la testa dell'asino,perde il tempo e il sapone)


"RAGIONE E TORTI"
Cul pà e cul padron ta ghe sempru tort e mai reson. (Col padre e col padrone, hai sempre torto e mai ragione)
Chi ca vet, asculta e tas, al mantee al munt in pas. (Chi vede, ascolta e tace, mantiene il mondo in pace)
Chi chè mia prudent, anca sa le bravu aò var nient. (Chi non è prudente anche se è bravo non vale niente)
Cun l'art e cun l'ingann, sa vif mez an, cun l'ingann e l'art, sa vif l'altra part. (Con arte e con inganno si vive mezzo anno, con inganno e arte,si vive l'altra parte)
Basta mia ben parlà, bisogna ben fà. (Non basta parlare bene, bisogna saper fare bene)

Dac da mangià a un curbat, che po i occ al vò becat. (Nutrisci il corvo e ti caverà gli occhi)

La leur la sa ciapa senza corr. (Quando qualcuno combina qualcosa, poi scappa)

L'ordine lè pan, il disordine lè fam. (L'ordine è pane, il disordine è fame)

Mei una mort unurada che una vita svergugnada. (Meglio assai una morte onorata che una vita svergognata)

Sa ta voo mia vec noie e guai, prima pensa e dopu fai. (Se non vuoi avere noie e guai, prima pensa e dopo fai)

Spes al trop al guasta, invece al poc al basta. (Spesso il troppo guasta, mentre il poco bosta)

In ogni cà a ghè la sua tavela da cambià. (Ogni casa ha una tegola rotta)

La cà la va sempru maa, quenta la donna la met su i brac e l'om al scusaa. (La casa va sempre male, quando la donna porta i calzoni e l'uomo la sottana)

Chi ca to giò la midisina senza al mal, consuma l'interes e al capital. (Chi piglia la medicina senza male, consuma l'interesse e il capitale)

Sbatt mai la porta daree da ti, ta po vec bisogn da verdala un altru  dì. (Non sbattere mai una porta dietro di te, potresti desiderare di riaprirla)

Share This

Italian English French German Portuguese Russian Spanish