NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Conosciuto già da molti lombardi se non altro per la massiccia presenza di trincee e ripari della prima guerra mondiale, poiché si snoda lungo la mitica linea Cadorna che doveva difendere il confine con la Svizzera prevedendo lungo tutto l’arco alpino e prealpino una edificazione totale di 72 km di trincee e fortini tra cui una decina di caverne e 25 000 metri quadrati di baraccamenti, 296 km di camionabili e 398 carrarecce e mulattiere, a cui deve ancora molto il turismo attuale, e infine sbarramenti e fortificazioni le cui tracce e i resti sono ancora diffusi lungo le creste di confine.

Si tratta di una vasta zona montuosa, collinare e boschiva che viene generalmente definita come "Boffalora", data la brezza che vi spira, anche se oltre all’omonimo rifugio Boffalora l’area comprende, a pochi chilometri di distanza l'uno dall’altro, anche numerosi altri punti di ristoro, alpeggi, ristoranti e il monte Galbiga col suo relativamente moderno rifugio Venini.

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Accesso Utenti